life is style magazine

Font Size

Profile

Direction

Menu Style

Cpanel

Roma è salva?

valentino

Accordo tra i soci di AltaRoma, la società che promuove la moda nella Capitale. Dopo l'impasse dovuta ad un disaccordo sulla composizione del Cda, sfociata anche nella possibilità di liquidare la società, Camera di Commercio, Comune di Roma e Regione Lazio hanno trovato l'accordo. Il nuovo Cda, ridotto a cinque membri, è presieduto da Silvia Venturini Fendi e ne fanno parte: Fabiana Balestra, Raffaello Napoleone, Franca Sozzani, Florio. Fuori Massimo Tabacchiera, su cui si era generato lo scontro


Dopo numerosi incontri e altrettanti scontri che hanno visto Alta Roma – la kermesse di alta moda – al centro di una crisi che sembrava diretta verso la liquidazione della società, ora sembra che le sfilate capitoline siano salve e pronte a essere nuovamente promosse. I soci di Alta Roma sono infatti giunti a un accordo, sollevando le sorti della moda dell’Urbe con un nuovo Consiglio di amministrazione ridotto ora a 5 membri. Silvia Venturini Fendi è stata riconfermata alla presidenza del Cda, mentre le nuove figure che entrano nel cerchio sono Fabiana Balestra, figlia dello stilista Renato Balestra, Sabria Florio, imprenditrice di Unindustria, Raffaello Napoletone di Pitti Immagine e Franca Sozzani, direttrice di Vogue ItalIa. Dal gruppo è scomparso invece il nome di Massimo Tabacchiera, proposto in precedenza dalla Camera di commercio, il quale aveva generato lo scontro con gli altri soci. Passata la bufera e fatto il passo in avanti, ora inizia una nuova sfida per Alta Roma che deve rilanciare le sfilate romane.

Un consiglio di spessore dunque, che grazie alla supervisione di Napoleone e Sozzani, rispettivamente da Firenze e Milano, sarà in grado di spingere la Capitale verso un processo di internazionalizzazione necessario alla sua crescita e un ampliamento delle opportunità. Marta Leonori, l’assessore alla Roma Produttiva ha dichiarato infatti che “il nuovo consiglio è di altissimo livello e di carattere internazionale“, proprio come richiesto dal viceministro dello Sviluppo Carlo Calenda. Si tratta di un elemento molto importante, che potrebbe favorire la decisione del governo di intervenire con fondi propri per rilanciare le sfilate romane. Il prossimo passo infatti è proprio quello di ottenere un importante appoggio finanziario, mentre il sindaco Marino parla già di una trasformazione dei Fori Imperiali nel boulevard all’interno della storia e una possibile copertura dell’arena del Colosseo, che potrebbe dunque ospitare in futuro anche sfilate di moda e spettacoli.